PARIGI IN UN RETROBOTTEGA (Delos Digital) DAL 18 OTTOBRE 2016!!!

Nella Parigi ferita dagli attentati terroristici, un gruppo di intellettuali nostalgici dell'esistenzialismo si ritrova nel retrobottega del Café de Flore. Ascoltano Juliette Gréco, idolatrano Jean-Paul Sartre, discutono di inezie e di massimi sistemi. Un obiettivo comune: intervenire nella realtà che li circonda per migliorarla. Ma in che modo?
Tutt'intorno, la città che amano si mostra più viva ed energica che mai, nonostante il sangue delle stragi.

LATEX E BISCOTTI (Giraldi Editore)

Agnese Crosara è un maître pâtissier. Dopo la formazione a Milano, a Parigi e a Los Angeles, apre la sua pasticceria, Morte deliziosa, a 500 metri da Castel Sant'Angelo, subito dietro al Vaticano, un atelier molto lussuoso, con arredi esotici, barocchi: sete, velluti, trine, merletti. I dolci che confeziona sono richiestissimi, il suo marchio conosciuto. Per lei il piacere del cibo è assimilabile al piacere erotico e al gusto estetico. Ma per fare i conti con le spese sempre più elevate, riprende parallelamente il suo vecchio lavoro di mistress a pagamento (tramite cui aveva pagato la sua formazione), su idea di Jerome, suo cliente, benestante libero professionista, che la finanzia entrando in società con lei. Tra i due nasce uno strano rapporto, una commistione tra affari, sesso e complicità. Lo sanno entrambi ma, non essendo in grado di gestire un simile cambio di passo, preferiscono rintanarsi nella comoda tana della trasgressione estrema pur di non riconoscere l'esistenza di un valido legame, di un sentimento reale, di una passione che va oltre i normali giochi di dominazione e sottomissione e che travalica i ruoli.
In un mondo sempre più competitivo e difficile, una storia attuale che vuole sdoganare, col parallelismo tra le passioni carnali e quelle gastronomiche, ogni tipo di tabù o di pregiudizio. Perchè, come dice Nietzsche, sono le convinzioni le peggiori nemiche della verità.

«Un romanzo di fuochi d'artificio e velluto, di fruste e cioccolato, visionario, sensuale, iperbolico, stupefacente».
(Francesca Mazzucato)

EX ABRUPTO (Novecento Editore)

Non tutti i delitti sono uguali. Ci sono quelli più brutti. Quelli orribili. E poi c'è questo. La discesa nell'ultimo abisso possibile. Un tuffo che, lungi dal rendere l'aggressione comprensibile, la fa risultare, semmai, ancora più agghiacciante. Un'indagine capace di sconvolgere perfino l'imperterrito detective Badalamenti.

«Giuseppe Foderaro sfodera lo stupro, rendendocelo pericolosamente vicino di casa. Di strada.»
(Andrea G. Pinketts)

ANCHE GLI ANGELI MANGIANO KEBAB (Novecento Editore)

Una bomba che esplode in un centro commerciale, un disastro aereo dai retroscena inquietanti, una Milano di intrighi e corruzione, multietnica e oscura. Questo lo scenario in cui si muove Sauro Badalamenti, di professione investigatore assicurativo che, suo malgrado, si trova fra le mani una doppia indagine che lo costringerà a scavare nel cuore nero della città.
Un piano diabolico, segreti e perversioni lo condurranno nell’oblio di una Milano mai così spietata.
«Una cosa l’ho imparata: sotto di noi non c’è che il nulla. Nessuna rete di sicurezza. Quando qualcosa esplode, è tutti lì che si finisce, sul tavolo di marmo di un obitorio. Non è un bello spettacolo. E di morti, credetemi, ne ho visti tanti».

«Un autore originale, un detective unico. Sauro "Il Dinosauro" Badalamenti non è il clone di nessuno.»
(Andrea Carlo Cappi)

NON HO FATTO L’ASILO (Lite-Editions)

A metà strada tra Bel Ami e Peter Pan, individualista e amorale, il protagonista di questo lucido e sferzante romanzo di Giuseppe Foderaro è un misantropo ancor prima che misogino. È un egocentrico schiavo del proprio fascino che usa per conquistare, distruggere: un uomo che colleziona donne come fossero trofei, o peggio figurine. Un inguaribile Don Giovanni dotato di un carisma che corrode. Un uomo che dell’inganno ne ha fatto un’arte. E della violenza una passione. Alzi la mano chi, in vita sua, non ha mai conosciuto un uomo così.

UNA NOTTE A MILANO (Novecento Editore)

Un'unica, lunga notte del delitto spezza in due il novembre milanese. Un'unica, lunga notte in cui la rabbia esplode da piazza Duomo fino alle estreme periferie passando per le nuove stazioni della metropolitana, per quel labirintico centro commerciale che ancora porta il nome di Stazione Centrale, addirittura per l'aeroporto di Linate. Capitanati da Andrea Carlo Cappi, gli autori di questo libro compiono una discesa nel buio portandoci con loro. E non sarà certo una nottata tranquilla.

DELITTI D’ESTATE (Novecento Editore)

l sole, alto nel cielo, illumina qualcosa. È il corpo di una donna riverso su una spiaggetta appartata. Tra poco qualcuno lo scoprirà. La settimana scorsa, a trecento chilometri da qui, ci sono state altre tre vittime. Nessuno ha idea di chi sia il colpevole. E non dovremo attendere molto perchè la lista dei morti si allunghi ancora.
È una cupa estate del delitto. Nelle più rinomate località turistiche della penisola mani assassine agiscono all’improvviso, brutali e implacabili. E mentre la temperatura sale dappertutto, un brivido ghiacciato corre lungo la schiena. Perchè nessuno è al sicuro.

UN GIORNO A MILANO (Novecento Editore)

Milano nelle storie inedite degli autori noir che da anni vivono e raccontano la città. In un giorno di autunno, dalle prime ore del mattino fino a notte fonda, si snodano e si intrecciano vicende ai margini della legge: storie in cui il crimine la fa da padrone e la giustizia non trionfa mai. Quantomeno non la giustizia degli uomini. Con uno sguardo alla "Milano calibro 9" di Giorgio Scerbanenco e a vent'anni dalla nascita della "Scuola dei Duri" di Pinketts & Co. gli scrittori milanesi tornano a guardare la realtà attraverso una lente noir, poco rassicurante ma coraggiosamente rilevatrice.